Al CES 2018, le nuove tecnologie stanno ridefinendo l’intero settore sanitario – Nati Per

Al CES 2018, le nuove tecnologie stanno ridefinendo l’intero settore sanitario

21 Feb 2018

Quest’anno la salute e il benessere sono stati tra i trend più caldi al CES di Las Vegas. Ce lo conferma Thibaut Loilier, il nostro reporter sull’innovazione che lavora come Business Development Manager presso AXA Lab a San Francisco che ci racconta come le tecnologie delle aziende stanno trasformando il settore della salute.

L’innovazione della salute digitale è cresciuta negli ultimi anni a ritmo sorprendente: il 2017 ha visto un’esplosione di investimenti in aziende sanitarie digitali per raggiungere quasi $ 6 miliardi negli Stati Uniti e un record di 345 deal, secondo Rock Health. StartUp Health, che analizza finanziamenti in slaute in tutto il mondo, afferma che sono stati erogati $ 11,5 miliardi in questo settore, in aumento di $ 3,3 miliardi rispetto all’anno precedente.

Dai servizi di auto-cura e benessere fino alle vecchie tecnologie, le tecnologie intelligenti stanno già ripensando l’intero settore sanitario. Ecco alcune delle tecnologie che sono già state abbozzate al CES e che stanno trasformando il settore della salute.

Aumenta il ruolo della tecnologia nel benessere e nel prendersi cura di sé

Il valore del benessere e della cura di sé è stato riconosciuto al CES. Il concetto di auto-cura sta diventando sempre più importante in quanto le persone sono incoraggiate e interessate a prendersi cura della propria salute e del proprio benessere.

Nel 2016, AXA Str

ategic Venture ha annunciato l’investimento in Medlanes, una startup digitale che offre servizi di auto-assistenza e medici specialisti qualificati: iservizi di auto-cura stanno crescendo in maniera esponenziale poiché la tecnologia fornisce un’alta qualità dell’assistenza ai pazienti. In vari campi, stanno sviluppando strumenti che utilizzano la tecnologia indossabile per migliorare l’auto-cura.

Al CES 2018, L’Oréal ha introdotto un sensore UV, il Sensore UV Sense, che funziona senza bisogno di una batteria ed è più piccolo di un’unghia. Il sensore UV è progettato per le unghie, in quanto è un’area del corpo che, come afferma L’Oreal, riceve la luce solare ottimale. UV Sense monitora l’esposizione al sole e li consapevolizza sulla sicurezza del sole e, a sua volta, sul rischio di cancro della pelle.

L’edizione CES 2018, ha visto la presenza di oltre 3.900 brand tecnologici provenienti da oltre 40 paesi, che ha visto anche molte aziende tecnologiche rivelare prodotti che analizzano in modo proattivo, diagnosticano o curano i disturbi relativi al sonno.

Secondo il report del CDC 2016, un adulto su tre negli Stati Uniti non dorme delle ore di sonno adeguate, ed è a rischio obesità, malattie cardiache e affetto da altri problemi. In effetti, il mercato globale sta crescendo e dovrebbe raggiungere i 76,7 miliardi di dollari nel 2019 (fonte: BCC Research). Quest’anno, una nuova area espositiva all’interno del CES è stata dedicata esclusivamente alla tecnologia del sonno.

AXA acquisisce Maestro Health

Il 22 gennaio 2018, AXA ha annunciato di aver stipulato un accordo per l’acquisizione di Maestro Health, una società di amministrazione digitale di benefici per la salute negli Stati Uniti. Fondata nel 2013, Maestro Health copre attualmente un milione di persone con una tecnologia che semplifica e personalizza l’esperienza dei vantaggi.

Kinga Igloi, ricercatrice ungherese sostenuta dall’AXA Research Fund , ha osservato tendenze simili. Kinga sta studiando all’Università di Ginevra, in Svizzera, il ruolo del sonno nel consolidamento della memoria. È fondamentale migliorare la memoria, ma anche ridurre lo stress o prevenire i rischi dovuti alle malattie cardiovascolari.

Philips SmartSleep, una nuova fascia lanciata da Philips e presentata al CES 2018, utilizza sensori integrati che si applicano alla fronte per rilevare l’attività cerebrale. Poi, quando viene rilevato il sonno profondo, i diffusori della fascia iniziano a produrre audio personalizzati che migliorano la profondità e la durata del sonno ad onde lente. Nokia ha presentato Nokia Sleep al CES, un sensore avanzato integrato all’interno del materasso.

I sensori intelligenti che si collegano al WiFi possono monitorare il sonno e anche tracciare le varie tipologie di russamento. Nokia ha anche sviluppato una migliore qualità della vita attraverso il sonno. In effetti, la mancanza di sonno tra i lavoratori degli Stati Uniti costa circa 1,2 miliardi di dollari e 1,2 milioni di giorni lavorativi all’anno (fonte: Rand). Un numero crescente di aziende sta sviluppando programmi per incoraggiare i lavoratori a dormire e dormire bene. Ad esempio, Shleep ha sviluppato un’app che funge da sleep coach personale. I programmi aziendali di Shleep offrono formazione digitale, valutazioni personalizzate e formazione sul sonno.

L’emergere di prodotti ad alta tecnologia per gli anziani

Oggi, l’8,5% delle persone nel mondo (617 milioni) ha oltre 65 anni. Secondo un rapporto censito dall’US Census Bureau, An Agin World, questa percentuale è destinata ad aumentare fino a quasi il 17% della popolazione mondiale entro il 2050 (1,6 miliardi). Mentre la popolazione più anziana del mondo continua a crescere, un numero crescente di prodotti high-tech per gli anziani viene presentato al CES.

Le cadute spesso provocano infortuni alla testa o ai fianchi, il che porta a complicazioni a lungo termine e perdita di indipendenza. Al CES sono necessarie molte innovazioni tecnologiche per svolgere un ruolo di primo piano nei programmi di rilevamento delle cadute. La start up E-Vone sta lavorando ad una scarpa intelligente abilitata per GPS che dispone di rilevamento e avvisi di caduta. La scarpa è in grado di rilevare i movimenti anomali e il sistema invia un allarme a famiglia, amici, vicini, servizi di emergenza, ecc. con geo-posizionamento.

Un’altra startup sta sviluppando un prodotto chiamato Hip’Air che presenta airbag nascosti sul lato di una cintura speciale. Il sistema rileva in 0,2 secondi una caduta ed entrambi gli airbag si gonfiano in 0,08 secondi sopra i fianchi. Questo prodotto sta affrontando un problema serio: solo in Francia 65.000 persone si fratturano i fianchi ogni anno e il 23% delle persone sopra i 55 anni muore entro un anno dopo una frattura e circa il 50% perde la propria autonomia (fonte: sito Hip’Air ). Regolati dall’’inflazione, negli Stati Uniti il costo sanitario diretto per infortuni causati da caduta ammonta a $ 31 miliardi per i costi ospedalieri che rappresentano i due terzi del totale.

E’ importante notare che i rischi da caduta sono spesso più elevati durante la notte: le persone inciampano indossando le pantofole, non riescono a trovare l’interruttore, sono abbagliate dalla luce … Una start-up francese, Aladin, ha progettato una lampada intelligente a parete, che, con l’aiuto dei numerosi sensori di movimento che contiene, illumina il percorso se una persona si alza nel cuore della notte.

Nei prossimi anni, molte altre innovazioni dovrebbero apparire in questo settore: il mercato dei sistemi di rilevamento delle cadute rappresenterà $ 497,3 milioni entro il 2022, con un tasso di crescita medio annuo previsto tra il 2017 e il 2022 sarà 5,58% (fonte: Markets and markets).

Utilizzare la realtà virtuale aumentata nell’educazione sanitaria

Molti di noi pensano che queste tecnologie siano utilizzate principalmente nei videogiochi e nel campo dell’intrattenimento, mentre la realtà virtuale e la realtà aumentata potrebbero essere molto utili per il settore sanitario.

In medicina, la simulazione e l’allenamento sono una parte molto importante delle operazioni mediche, specialmente in chirurgia. Al CES, diverse aziende hanno presentato sistemi per preparare chirurghi per la chirurgia e migliorare le loro capacità chirurgiche al di fuori della sala operatoria. La start-up di INCISION, ad esempio, ha sviluppato un programma di formazione online per i chirurghi per insegnare interventi chirurgici step-by-step. Utilizzando tecniche 3D stereoscopiche, INCISION è in grado di fornire un contesto online molto realistico in cui i chirurghi si possono addestrare, imparare ed essere valutati sui loro interventi e le conoscenze anatomiche.

AXA collabora con Oscar

Oscar Health è uno dei leader mondiali di InsurTech. Fondata nel 2013 a New York, la compagnia ora vende polizze in 6 stati degli Stati Uniti e ha come obiettivo 1 miliardo di dollari di entrate nel 2018. Nel mese di gennaio 2018, AXA è diventato assicuratore esclusivo di Oscar. Una partnership win-win che consente ad AXA di consolidare la propria presenza nel mercato statunitense di Insurtech e Oscar di “sviluppare una crescita efficiente a lungo termine”.

Fornendo una formazione efficiente, flessibile e obiettivamente strutturata, i programmi di simulazione possono aiutarti a confrontarti con le sfide della medicina moderna. Ad esempio, una società francese chiamata SimforHealth ha progettato soluzioni di formazione VR immersive per la formazione medica. L’azienda riproduce virtualmente diversi ambienti di cura del paziente in modo che possano occuparsi delle condizioni reali. La simulazione digitale consente agli studenti di praticare interventi, discutere decisioni terapeutiche o allenarsi per situazioni complesse.

Gli strumenti di modellazione e simulazione 3D hanno aperto le porte a una nuova era dell’assistenza sanitaria. Nuovi progressi tecnologici ora consentono di curare pazienti dall’altra parte del mondo. Al CES, DassaultSystems ha presentato un programma chiamato living heart project che mira a costruire prototipi 3D di cuori difettosi reali che il personale medico può visualizzare su uno schermo 3D. La simulazione olografica è ora disponibile per i team medici che potrebbero utilizzarla per discutere su come procedere con un’operazione, visualizzando il modello 3D.
Le tecnologie di realtà aumentata, forniscono accesso a interfacce olografiche “hands-free” intelligenti e intuitive, che consentono al personale medico di concentrare la propria energia e attenzione sull’essenziale: il paziente. Ad esempio, Nomateci ha presentato al CES una nuova generazione di piattaforme di telemedicina mobile per i professionisti del settore sanitario. Con gli occhiali per realtà aumentata, il Tecnico medico (EMT) può lavorare per supportare informazioni di realtà mista accessibili ovunque e in qualsiasi momento. La sua visione del “mondo reale” è accresciuta dai dati medici digitalizzati del suo paziente. Il campo paramedico ha anche accesso, in loco, a telecronache e teleconsultazioni ai medici che utilizzano videoconferenza in tempo reale. Gli specialisti possono dare istruzioni ai paramedici tramite video chat o marker olografici.

Auto connesse e senza conducente: un’opportunità per migliorare l’assistenza sanitaria?

In collegamento al mercato della salute, l’auto è stata ancora una volta una delle tendenze più forti in CES 2018. L’auto del futuro non solo ci porterà dal punto A al punto B: fornirà una nuova gamma di servizi per migliorare il nostro viaggio. L’emergere di veicoli autonomi trasformerà il guidatore in un viaggiatore: trascorrerà meno tempo concentrato sulla sua guida, il che renderà possibile utilizzare l’auto in un modo radicalmente diverso. Le auto sostituiranno le pratiche mediche? Questo potrebbe essere un caso che potrebbe accadere prima del previsto.

Gli americani trascorrono più di 160 milioni di ore alla guida, ovvero 47 minuti al giorno a persona (fonte: Washington Post). Diverse società di tecnologia medica stanno sviluppando sistemi che utilizzeranno questo “tempo perso” per scopi medici, sfruttando i recenti progressi nei sensori medici e nella connettività.

Con il crescente numero di sensori che raccolgono dati all’interno e all’esterno del veicolo, le auto saranno presto in grado di monitorare il nostro stato di salute:

• Ford equipaggia già le sue auto di prova con telecamere e sensori per misurare da remoto i segni vitali e comprendere situazioni specifiche (specialmente se il conducente si addormenta);

• Valeo ha dimostrato diversi sistemi di sorveglianza medica. Tramite sensori all’interno dei sedili e delle telecamere, le informazioni sulla frequenza cardiaca, la respirazione e le espressioni facciali vengono utilizzate per misurare i livelli di stress, ansia e prontezza di riflessi, e per garantire la sicurezza del conducente;

• In collaborazione con Accenture, Faurecia sviluppa applicazioni che migliorano la salute e il benessere all’interno della propria auto. Attraverso i sensori medici (pressione sanguigna, temperatura corporea, ecc.), il veicolo può sapere come si sente il guidatore e come risponde agli stimoli. Usando questi dati, può cambiare automaticamente la posizione del sedile, attivare la modalità “sedile massaggiante” o cambiare la musica.

La maggior parte delle case automobilistiche ha già dotato i propri veicoli di connessioni Internet. Ad esempio, il CEO di Ford ha annunciato quest’anno al CES che entro il 2019 ogni nuova Ford sarà connessa a Internet. I veicoli connessi potrebbero rendere la medicina integrata una realtà: in futuro potremo scegliere se ascoltare la musica, essere avvisati sulle condizioni del traffico stradale o sulle condizioni meteorologiche, oppure seguire una video chat di alta qualità con un medico, comodamente nella nostra auto … o tutto questo allo stesso tempo!

Una cosa è certa: l’auto del futuro rappresenta un campo completamente nuovo su cui gli attori della salute e del benessere e altri fornitori di servizi possono già investire per offrire i migliori benefici ai conducenti di domani.

Tradotto e adattato da Chiara Orlandini per Newsroom AXA Italia.

Leggi l’articolo in lingua originale!

Non ci sono ancora valutazioni.
Attendere per favore...

L'autore del post