Assicurare il business del calcio – Nati Per

Assicurare il business del calcio

04 Lug 2018

Che tu sia un grande tifoso o meno, probabilmente hai sentito parlare dei mondiali di calcio 2018 che si stanno svolgendo in Russia e che dureranno fino a metà luglio. Cogliamo l’occasione per approfondire il ruolo dell’assicurazione nel settore del calcio e in che modo AXA copre questa specifica attività che può tradursi in milioni con un solo contratto.

Ricordi quando la scorsa estate Neymar è entrato a far parte della squadra di calcio di Parigi (PSG), per un importo totale di 500 milioni di euro per i successivi cinque anni? Considerando le somme in gioco, le società calcistiche cercano un’assicurazione che possa proteggerle in caso di perdite finanziarie, causate, ad esempio, da possibili infortuni al loro giocatore preferito.

Questa assicurazione è chiamata polizza “key man”. Ha lo scopo di tutelare una persona importante a beneficio della propria prestazione professionale. Questa persona “chiave” potrebbe essere un dirigente, un ricercatore che lavora in un laboratorio, un “naso” che lavora per un profumiere o un calciatore. Senza questa persona, l’equilibrio economico e finanziario dell’azienda è compromesso.

Considerando le cifre importanti in gioco, gli assicuratori devono spesso condividere i rischi attraverso polizze di riassicurazione o di coassicurazione.

Quindi, secondo i media, le gambe di Lionel Messi sono coperte da due compagnie assicurative italiane per € 500 milioni. La maggior parte delle volte, Lloyds – una compagnia assicurativa con sede a Londra – è coinvolto, poiché i rischi speciali fanno parte del suo core business.

Attualmente, AXA France ha firmato sei polizze assicurative “key man” con una delle più grandi squadre di calcio. La compagnia sta assicurando anche 900 dei 1200 giocatori iscritti all’Unione nazionale dei calciatori professionisti, che hanno bisogno di una copertura per la perdita di reddito, in caso di lesioni fisiche che portano a una disabilità temporanea o permanente. In questo ultimo scenario, quando gli infortuni causano la fine della loro carriera, possono ricevere un TFR che li aiuterà a trovare un altro lavoro. Inoltre, le politiche di AXA hanno la particolarità di continuare ad assicurare i giocatori, anche se si trasferiscono in un’altra squadra all’estero. Questo è il motivo per cui alcuni famosi giocatori possono spendere ogni anno fino a € 100.000 per ottenere una copertura contro un incidente. Questo importo sembra enorme ma è solo l’1,5% del loro stipendio annuale quando si tratta delle più grandi stelle del calcio.

Leggi l’articolo in lingua originale!

 

 

Punteggio: 3.3. da 3 valutazioni.
Attendere per favore...
Tags:

L'autore del post