Assicurazione e tecnologia per sentirsi protetti anche in casa – Nati Per

Assicurazione e tecnologia per sentirsi protetti anche in casa

13 Mar 2017

Solo il 49% degli italiani si sente sicuro tra le mura di casa. Cresce il bisogno di protezione e la tecnologia entra in gioco

Ci sentiamo sicuri a casa nostra? Molto meno di quello che potremmo pensare se è vero, come ci dicono i dati della ricerca AXA-Episteme “Gli Italiani, il labirinto dei dati e il ruolo del settore assicurativo”, che il 72% degli italiani è interessato a installare dispositivi per tenere sotto controllo quanto avviene nella propria abitazione tramite app utilizzabili dal proprio smartphone.
Sentirsi sicuri a casa, in ufficio, nei negozi si rivela oggi un problema sentito, tanto da essere paragonabile alle preoccupazioni per il proprio stato di salute alle ansie dovute alla crisi economica.

La tutela di se stessi è un bisogno in crescita e altre ricerche, come quella di IPSOS Italy@Risk, spiegano che solo il 49% degli italiani si sente sicuro in casa propria e che negli ultimi 10 anni è considerevolmente aumentata la propensione a proteggersi. Nel 2004 solo il 56% delle persone possedeva sistemi di sicurezza, oggi la percentuale è salita al 75%: tre italiani su 4 ne posseggono almeno uno. Così, per avere più garanzie di protezione oggi siamo perfino disposti a rinunciare alla nostra privacy e a investire oltre 1000 euro per dotare la nostra casa di sistemi di sicurezza.

casa
Tecnologia all’avanguardia

I sistemi di sicurezza tradizionali, di cui dispongono più di due terzi degli italiani, non sono più sufficienti ed è la tecnologia che ci rende più sicuri (ne abbiamo parlato anche su www.unpostprotetto.it). Sono molte per esempio le aziende specializzate in videosorveglianza che hanno messo a punto soluzioni sempre più sofisticate per difendersi dai ladri. In tanti considerano l’idea per esempio di dotarsi di un sistema di telecamere a raggi infrarossi comandato dallo smartphone, altri opterebbero per sistemi ancora più sofisticati con rilevatori di posizione che funzionano da remoto.

Alcune aziende propongono anche soluzioni che prevedono il riconoscimento facciale. Se la vostra casa è frequentata da amici o personale di servizio anche in vostra assenza, si può installare una videocamera di sicurezza dotata di tecnologia per il riconoscimento facciale che permette di riconoscere con massima precisione i volti che vede, associarne i nomi, per poi inviare un messaggio sullo smartphone dell’utente avvisandolo della presenza in casa dei familiari oppure di sconosciuti.

protezione
Un’assicurazione per sentirsi più sicuri

Il tema della sicurezza legato a quello dell’innovazione è uno degli asset fondamentali da tenere in considerazione per i prossimi anni e proprio in questo settore le assicurazioni avranno un ruolo essenziale. Oltre ad installare sistemi di sicurezza tradizionali o tecnologici si può pensare anche di affidarsi alla protezione di una polizza assicurativa. AXA Italia ha ideato InC@sa, una soluzione che unisce tradizionali garanzie di rischio a diversi servizi innovativi.

InC@sa è una soluzione per risolvere tempestivamente e con facilità gli imprevisti domestici legati agli impianti, agli elettrodomestici o alla sicurezza anche grazie al supporto della nuova telecamera Myfox. La polizza permette di estendere la garanzia di elettrodomestici e TV anche quando è terminata quella del produttore e di avere accesso all’assistenza medica d’urgenza in caso di infortunio o malattia.

(StartupItalia! per Newsroom)

Punteggio: 4.2. da 5 valutazioni.
Attendere per favore...

L'autore del post