Da Roma a Milano in 30 minuti. Hyperloop, il super-treno che viaggia in sicurezza – Nati Per

Da Roma a Milano in 30 minuti. Hyperloop, il super-treno che viaggia in sicurezza

17 Nov 2016

Il progetto prevede l’utilizzo di capsule che viaggiano all’interno di un tubo ad altissima velocità. Il costo del biglietto? Potrebbe essere inferiore a quello del treno

Se siete tra quelli che non si sono ancora abituati alla velocità del Frecciarossa, Hyperloop non fa per voi. Il treno del futuro (a quanto pare non troppo lontano) potrà portarvi da Roma a Milano in 30 minuti. Grazie a una velocità di oltre 1200 chilometri orari potrete fare i pendolari tra Catania e Torino, lavorare a Parigi e avere casa e famiglia a Genova. Il tutto in piena sicurezza e pagando un biglietto meno caro di quello di un treno ad alta velocità

I primi a vedere in funzione il super-treno saranno gli abitanti di Dubai, Hyperloop One ha infatti  annunciato che la città famosa per le sue costruzioni avveniristiche, sarà la prima a sperimentare  questa tecnologia. La zona desertica ben si adatta alla costruzione della struttura e, secondo le previsioni, il treno a capsule coprirà i 157 chilometri che separano Dubai da Abu Dhabi in 12 minuti, arriverà a Riyad percorrendo 1.100 chilometri in 48 minuti e infine raggiungerà Doha bruciando 700 chilometri in 23 minuti.iperveloce, super treno

Non solo car sharing, e car pooling, ma anche treni ad altissima velocità come Hyperloop o taxi che volano sull’acqua per attraversare la città, nei prossimi anni il nostro modo di spostarci cambierà radicalmente. Ci stanno pensando ingegneri, architetti, startupper e ricercatori provenienti dalle più importanti università e ci stanno lavorando anche le maggiori compagnie assicurative che si stanno già preparando per essere pronte al cambio di prospettiva.

 

La sfida per disegnare Hyperloop

Hyperloop Transportation Technologies è solo l’ultima avventura di Elon Musk, imprenditore visionario conosciuto per aver creato la Space Exploration Technologies Corporation, di cui è amministratore delegato e CTO, e la Tesla Motors, di cui è chairman e CEO. Musk ha presentato il progetto nel 2013 e in quella occasione sfidò ingegneri e architetti di tutto il mondo a  disegnare una capsula alimentata a energia solare, in grado di contenere più persone e di muoversi lievitando lungo un grosso tubo. Come abbiamo scritto in un articolo di StartupItalia!, la sfida è stata colta da Hyperloop One una delle aziende che si sono spese in questi anni per fare i primi test. Il prototipo funzionante dovrebbe essere pronto entro il 2020 in modo da partire con le sperimentazioni proprio negli emirati

 

Come mai è così veloce?

La velocità di Hyperloop è data dall’assenza di interruzioni nel viaggio e nell’abbattimento dei tempi di attesa. Non solo, per i passeggeri sarà anche possibile uscire dal tubo nel luogo preferito. In un comunicato stampa l’architetto danese Bjarke Ingels che si sta occupando del progetto ha detto: «Con Hyperloop One abbiamo dato forma a un ecosistema di mobilità fatto di capsule e ingressi dove è scomparsa la sala d’attesa insieme all’attesa stessa. Hyperloop One combina il pendolarismo condiviso con la libertà individuale a una velocità quasi supersonica. Ci stiamo dirigendo verso un futuro dove la nostra mappa mentale della città verrà riconfigurata insieme alla nostra abituale concezione della distanza e della prossimità».

Un viaggio in tutta sicurezza e in un ambiente di design

Le capsule di Hyperloop sono eleganti, confortevoli e sono pensate per essere a misura d’uomo. Ogni mezzo è in grado di contenere sei persone che possono “prendere un passaggio” recandosi ai vari gate a disposizione. Ma la bellezza di queste capsule non va a discapito della sicurezza, in caso di emergenza la capsula può fermarsi in 6,4 secondi. E dentro la capsula non ci sono turbolenze o intemperie, né ostacoli materiali o animali che possano causare incidenti

Sostenibilità del progetto: quanto costerà un biglietto?

Secondo le previsioni viaggiare con Hyperloop da San Francisco a Los Angeles costerà non più di 30 dollari. Il prezzo contenuto è dovuto al fatto che sulla carta il sistema Hyperloop,  come scrive il Corriere Innovazione, non dovrebbe superare i 56 milioni di dollari per chilometro, contro i 208 milioni di dollari dei treni ad alta velocità in California e i 112 milioni di dollari per chilometro di autostrada. In questo modo il costo dell’intera infrastruttura da Los Angeles a San Francisco non dovrebbe superare i 16 miliardi di dollari.

Un po’ di Italia nel progetto

L’italiana Maffei è in corsa per la progettazione dei tubi dentro cui viaggeranno le capsule. Ales Tech, spin-off dell’Università di Pisa, è tra i finalisti della competizione globale lanciata dallo stesso Elon Musk per la fornitura di dispositivi necessari al lancio di Hyperloop. Gli ingegneri pisani potrebbero essere scelti per la fornitura delle sospensioni del treno del futuro

(StartupItalia! per Newsroom)

Non ci sono ancora valutazioni.
Attendere per favore...

L'autore del post