Di cosa hanno paura gli italiani? – Nati Per

Di cosa hanno paura gli italiani?

29 Nov 2016

La paura più grande? Per l’Economist dipenderebbe dalla geografia e forse un po’ anche dalla storia. Se per gli italiani traumatizzati dalla crisi la paura più grande è ormai la disoccupazione, per i cinesi risulta essere la moralità, che evidentemente l’occidentalizzazione dei costumi e dei consumi ha messo in difficoltà. Ma se gli indiani temono più di tutto il terrorismo e i polacchi guardano preoccupati al sistema sanitario, i brasiliani puntano decisamente il dito sulla corruzione, che ha messo in ginocchio l’immagine di leader insospettabili.

 

La ricerca del settimanale britannico mostra come per quasi tutti i paesi studiati i temi ruotino attorno al welfare, il lavoro, la finanza, i fanatismi, la povertà. Le paure di sempre, i fantasmi della storia a cui, secondo altre ricerche, se ne devono aggiungere altre mai sentite prima. Fra queste, secondo uno studio di lastminute.com ci sarebbe la FOMO, che non è una strana malattia della pelle ma l’acronimo di Fear of Missing Out. La versione attuale dell’esclusione nel mondo iperconnesso, che ormai pare dominato dalla social media, dove il terrore supremo è la disconnessione, ovvero trovarsi in posti non coperti dalla banda o magari perdere il proprio telefono. Quasi fosse il proprio figlio, il gatto o il portafogli.

Ma anche qui c’è una contraddizione. Ormai abituati  a rappresentare ogni aspetto della vita sui social, l’unico aspetto di cui non parlerebbero mai su Facebook è proprio la paura (73%) a meno di non cercare nella condivisione un sollievo (59%) o una soluzione (43%).

 

In generale, l’80% degli italiani dichiara di avere almeno una fobia, staccando largamente sul podio tutti gli altri popoli europei, a partire da francesi e spagnoli (63%), inglesi (59%) e infine tedeschi, i più coraggiosi di tutti (36%). Uscendo dal dominio della tecnologia, gli italiani si spostano sugli animali e le montagne, temendo i ragni e l’altitudine (36%), quindi i serpenti (29%) e infine gli spazi chiusi (25%).  Buono il piazzamento della paura di invecchiare (21%), ormai trasversale, transgenerazionale e soprattutto comune a donne e uomini. Un discorso a parte lo meritano due sindromi: la paura di rimanere soli (32%) e di non piacere alla gente (25%). Un quadro decisamente critico che condiziona scelte (39%) e fa perdere fiducia in se stessi (33%). E poi c’è il circolo vizioso: non solo la paura blocca il desiderio di un viaggio (23%), ma soprattutto tiene svegli la notte a pensare alle stesse paure (20%).

 paura connessione axa italia fear  smartphone

Ultimo dato della ricerca: la paura cala con l’età.

Se gli over 55 risultano i più temerari la generazione compresa tra 25-34 anni è la fascia più a rischio. Forse perché la maggioranza (57%) ritiene di aver sviluppato il sentimento prima della maggiore età riconducendolo a un trauma infantile (34%). Uno scenario di luci e ombre, che si chiude con una nota positiva: la grande maggioranza degli italiani (75%) è deciso a superare la paura nell’unico modo che ritengono valido. Affrontarla.

Punteggio: 5.0. da 2 valutazioni.
Attendere per favore...

L'autore del post