Lo stile aziendale aggressivo alla Wall Street non è più di moda, almeno per millennials e generazione Z – Nati Per

Lo stile aziendale aggressivo alla Wall Street non è più di moda, almeno per millennials e generazione Z

25 Lug 2018

In occasione della seconda edizione di Campus Party, il più importante geek camping al mondo dedicato all’innovazione e alla creatività, AXA Italia ha organizzato un #AXACafe insieme a Kantar Insight, leader mondiale nelle ricerche di mercato ad hoc e nella consulenza di marketing per discutere e analizzare cosa pensano Millennials e Generazione Z del futuro e di come debba essere il posto di lavoro ideale.

Alla base della discussione una survey condotta tra i tanti ragazzi che hanno partecipato a Campus Party principalmente neolaureati e studenti universitari, i cui risultati sono stati rilevati in tempo reale e condivisi a livello fisico con un data wall all’interno del campus.

Il  30% degli intervistati  si dichiara apertamente ottimista e un 55% che si sente fiducioso verso il futuro. Un futuro dove al centro rimane la famiglia per oltre la metà degli intervistati, ribaltando l’idea secondo cui i millennials siano introversi e autoriferiti. Una famiglia che va intesa, più che nel senso tradizionale del termine, come sistema di affetti e valori condivisi.

La famiglia per AXA è un valore ed è consapevole di quanto sia importante mantenere un work life balance equilibrato. In linea con la sua politica di inclusione, riconoscimento e valorizzazione delle diversità, AXA ha lanciato una nuova policy per il congedo parentale: a partire dal 1° gennaio 2017, qualsiasi sia la situazione familiare (famiglie biologiche, adottive, affidatarie, monogenitoriali o coppie omosessuali), i neo genitori possono beneficiare di 16 settimane retribuite al 100% per il cosiddetto “primary parent”, ovvero il genitore che ha la responsabilità principale del bambino, e di 4 settimane retribuite al 100% per il co-parent, destinato al secondo genitore. Laddove la legislazione nazionale preveda minori settimane di congedo, varrà il trattamento riconosciuto da AXA.

E l’azienda ideale dove lavorare? Per la maggior parte degli intervistati (50%) deve essere “innovativa e aperta al cambiamento”.  Altre caratteristiche importanti (17% dei rispondenti) rimangono solidità e affidabilità, mentre si conferma l’attenzione delle nuove generazioni nei confronti della sostenibilità, intesa anche come attenzione verso i dipendenti e condivisione dei valori.

In questo contesto, il processo di introduzione dello Smart Working in AXA Italia rappresenta oggi una esperienza estremamente interessante, un punto di riferimento a cui molte imprese guarderanno, soprattutto per l’approccio strutturato e multidisciplinare che è stato seguito sin dall’inizio. Il progetto, infatti, è stato gestito da un team di lavoro multidisciplinare composto da Risorse Umane, Comunicazione, Sistemi Informativi e Real Estate, che ha fin da subito impostato una iniziativa sistemica che non si è limitata alla sola introduzione di policy di lavoro da remoto, ma ha previsto la flessibilizzazione dell’orario di lavoro anche nelle giornate di lavoro dalla sede, la diffusione di nuovi strumenti di lavoro ed ha innescato un processo di ripensamento degli spazi fisici sia negli uffici di Roma che di Milano. Lo smart working per AXA Italia è un ripensamento delle modalità di lavoro tradizionali per favorire l’empowerment, la responsabilità e gestione individuale del lavoro in base a obiettivi precisi e alle proprie necessità di vita quotidiana.

Significativo anche che l’opzione “aggressiva” abbia ricevuto solo il 4% dei consensi, con le nuove generazioni che, rispetto ai baby boomers, sembrano essere più attratti da modalità di lavoro condivise, maggiore flessibilità, minori gerarchie, burocrazia e centralizzazione. Lo stile alla Wall Street non funziona più, almeno per i millennials e la generazione Z. Non si tratta di mancanza di ambizione, ma di una maggiore propensione alla contaminazione e alla semplificazione dei modelli decisionali.

Spunti interessanti che invitano le aziende a trovare il giusto mix per integrare aspettative e modalità di approccio al lavoro di generazioni diverse, consentendo alle persone di costruire il futuro che desiderano e realizzare le proprie ambizioni.

Punteggio: 5.0. da 3 valutazioni.
Attendere per favore...

L'autore del post