Perché continuano i terremoti? Intervista al prof. Iunio Iervolino – Nati Per

Perché continuano i terremoti? Intervista al prof. Iunio Iervolino

28 Ott 2016

L’unica soluzione è la cultura della prevenzione e la conoscenza di storia e morfologia.

Cosa sta succedendo alla spina dorsale del Paese? E perché continuano i terremoti? AXA Newsroom l’ha chiesto a Iunio Iervolino, professore ordinario di Dinamica delle costruzioni e Ingegneria sismica, oltre che presidente del corso di laurea in Ingegneria Strutturale e Geotecnica. Uno dei più giovani cattedratici d’Italia che, dal 2010, collabora con il progetto di ricerca sostenuto dall’AXA Research Fund.

Che cosa accade all’Appennino, professore?

Purtroppo niente di strano. La sismologia non è una scienza esatta ma una sequenza così non è anomala e si era già vista. E purtroppo, ripeto, non è ancora finita.

Ma si poteva pensare che sarebbe nuovamente accaduto qualcosa del genere?

Ripeto, purtroppo sì perché questi fenomeni si manifestano possibilmente in coppia, sulla dorsale appenninica. Le dirò di più.

Terremoto, AXA, Prevenzione, Iunio Iervolino

Prego.

Ce ne saranno altre, perché ce ne sono state altre. Dalla fine di agosto a oggi si sono registrati centinaia di micro terremoti di magnitudo superiore a tre nella zona. Quella del 26 ottobre è una replica delle repliche.

Quindi continueranno?

Non mi posso sbilanciare sull’intensità, ma ce ne saranno altri.

Ma cosa si deve fare? Come prevenirli?

E’ una domanda da un milione di dollari. Per questo l’Italia ha una legislazione e una normativa sismica fra le più attente e avanzate al mondo.

Però le distruzioni continuano.

Perché c’è un rovescio della medaglia. L’altra faccia è che il patrimonio italiano è immenso e storicizzato, fra i più importanti in questo senso nel mondo, anzi forse il più importante. Quindi in Italia non è facile rimpiazzare, ma è opportuno conservare. Peccato che conservare significa non adeguare, nella maggioranza dei casi, quindi esporsi a rischi. Solo un adeguamento strutturale potrebbe migliorar e la prevenzione.

Punteggio: 4.0. da 1 valutazione.
Attendere per favore...

L'autore del post